Trucchi e segreti sugli ARROSTI

Per la serie “buono a sapersi”…..:

Potete preparare l’arrosto anke in due tempi: cuocetelo x l’80% del tempo consigliato, ponetelo in frigorifero.
Finite di cuocerlo il giorno successivo, aumentando il tempo rimanente di cottura di 10 minuti.
Oppure potete cuocerlo il giorno precedente

A fine cottura TUTTI gli arrosti devono riposare almeno 10-20 minuti.
Alle fibre della carne va lasciato il tempo di riassorbire i succhi (ke in cottura si sono concentrati nel cuore del pezzo di carne) così non si disperderanno (come accadrebbe affettando un arrosto appena sfornato), e la polpa risulterà più tenera e succosa.

– Utilizzate tagli di carne di peso non inferiore a quello consigliato, e sempre per 6 persone almeno.

Se avanza ponete il pezzo d’arrosto (intero, non a fette) in un contenitore ermetico, con il suo sugo, e conservatelo in frigo per un massimo di 5 giorni.

Per riscaldarlo, ponete l’arrosto rimasto in una casseruola con il suo fondo di cottura più un mestolo di acqua (va reidratato, in frigo tende ad asciugarsi). Coprite la casseruola e tenete la fiamma medio-bassa.
Affettatelo solo dopo averlo riscaldato, così rimarrà più morbido.
Ottimo anke il riscaldamento a vapore, in un recipiente non forato; così la carne si mantiene succulenta e il sugo si scalda a parte.

..

[Fonte: Intimità, in collaborazione con La cucina Italiana]

Questa ricetta è stata letta 35 volte!

Proudly powered by WordPress